GLI OPERATORI DEL MOBILE:
FINANZIAMENTI A RETI 5G

57
0
SVILUPPARE le reti di telecomunicazione 5G nell’Unione europea costerà “significativamente di più” rispetto alle reti 4G che usiamo ora, “tra i 300 e i 500 miliardi di euro”. Lo evidenzia l’associazione globale degli operatori mobili (Gsma), che organizza il Mobile World Congress in corso a Barcellona. In vista delle elezioni Europee, la Gsma pubblica un manifesto in cui chiede alle istituzioni del Vecchio continente un impegno sia sugli investimenti, sia sulle regole per la sicurezza delle reti. Il contributo annuale dell’industria mobile al Pil dell’Ue crescerà dai 550 miliardi di euro attuali a 720 miliardi nel 2022. Con il giusto supporto normativo – evidenzia ancora la Gsma – l’adozione del 5G può raggiungere il 30% delle connessioni complessive entro il 2025.

L’ASSOCIAZIONE GSMA: “SPENDEREMO PER LE ANTENNE FINO A 500 MILIARDI, ORA AIUTI E REGOLE FLESSIBILI”

L’associazione chiede minori costi e tasse per lo spettro delle frequenze e un riesame delle imposte specifiche sul settore delle telecomunicazioni. Sul fronte normativo, gli operatori mobili europei chiedono l’applicazione delle stesse regole e degli stessi principi a tutti gli attori dell’economia digitale, in modo da garantire una concorrenza leale, e un nuovo riferimento europeo sulla sicurezza delle reti, costruito sulla base dei migliori standard nazionali e internazionali.

LASCIA UN COMMENTO