TV 8K. I MODELLI TOP
MERAVIGLIE PER RICCHI

39
0
DI televisori, se ne vendono pochi, almeno in Italia. Anche perché i più giovani utilizzano ormai il tablet e lo smartphone – più che il classico televisore – per guardare le serie delle grandi web tv internazionali. Per questo, i produttori di televisori lanciano sempre nuovi prodotti – belli e costosi – per sedurre quantomeno la fascia più esigente e ricca dei consumatori. Questa è una carrellata sui modelli più belli della categoria 8K.

UNA DEFINIZIONE DA 7680 PIXEL PER 4320. PRODOTTO STELLARE MA IL PREZZO E’ DI ALMENO 10 MILA EURO

SHARP TV LV-70X500E. Presentato alla fiera Ifa del 2017 (Berlino), è stato il primo televisore 8K ad arrivare nei negozi europei e italiani. Grande 70 pollici, ha dunque una risoluzione di 7680 pixel per 4320 pixel. Se guardate dietro questo televisore sul lato destro, noterete quattro cavi che entrano in altrettante porte Hdmi. Sono le quattro sorgenti full HD che permettono al televisore una riproduzione delle immagini in 8k.
Notevole l’audio, grazie a due gruppi speaker che riproducono le frequenze alte, e due altri gruppi di speaker per le basse  (con 35 watt complessivi). Venduto in prima battuta a 11.999 euro, a novembre del 2018 ha fatto capolino in qualche sito a 9.699 euro (più altri 99 di spese di spedizione).
SAMSUNG QLED 8K Q900R. Comprare, a caro prezzo, un televisore con definizione in 8K consapevoli che le emittenti tv raramente propongono dei contenuti con questo standard avanzato. Ne vale davvero la pena? La Samsung cerca di aggirare l’obiezione grazie alla tecnologia Al Upscaling. Questa tecnologia, basata sull’intelligenza artificiale, permette al televisore di migliorare molto la qualità di video e foto che non sono in 8K, e ne perfeziona anche l’audio. Aiuta anche il processore AI Quantum 8K che rivela se si stanno guardando contenuti da un servizio di streaming, un decoder, una connessione Hdmi, Usb o tramite il mirroring da un dispositivo mobile. 

UN CAVO DA 5 METRI VEICOLA I SEGNALI AUDIO, VIDEO E DI ALIMENTAZIONE COLLEGANDO TV E CENTRALINA

In dotazione lOne Invisible Connection: un unico cavo di collegamento (5 metri) che incorpora il cavo ottico per i segnali audio-video e quello di alimentazione, e unisce il display al One Connect Box, la centralina che integra il ricevitore tv e a cui possono essere connessi i dispositivi esterni, quali lettori Blu-ray e chiavette Usb. Altro punto di forza è la luce che il televisore è capace di inviare ai nostri occhi (luminance) pari a 4000 nit. Si tenga presente che un televisore medio arriva a massimo 200 nit mentre un televisore HDR, massimo a 2000.
Il televisore in 8K della Samsung, pur a fronte di queste qualità, costa sempre molto. A novembre del 2019, il sito italiano della Samsung offriva l’apparecchio da 65 pollici a 4.999 euro (249,95 al mese); quello da 75 pollici a 6999 euro (349,95 al mese). Quello più grande, da 85 pollici dovrebbe essere in vendita a 14.999 euro.  Sul fronte dei contenuti in 8K, Samsung ha stretto un’alleanza con Chili per offrire in esclusiva ai clienti Samsung documentari dedicati all’arte, alla natura e alle scienze, come Lunar City, secondo capitolo di una trilogia dedicata allo spazio e realizzata in collaborazione con l’Agenzia Spaziale Italiana e la Nasa. 
SONY X1 ULTIMATE HDR 8KA proposito di nit, e di luminance, ha lasciato il segno il prototipo che la Sony presenta nel 2018 alla fiera dell’elettronica di consumo (Ces) di Las Vegas. Qui i nit sono addirittura 10.000, tutti al servizio di uno schermo da 85 pollici. Serviranno degli anni – due, forse tre – per vedere questo prototipo nei negozi, sotto forma di televisore.
Ma il suo processore (X1 Ultimate), quello sarà installato anche su modelli in vendita in tempi brevi. Ed è una bella notizia perché questo processore, potente il doppio rispetto al predecessore, produce una qualità cromatica notevole.
LG OLED TV.  All’Ifa di Berlino, stavolta nel 2018, scende in campo la coreana LG con un pannello in 8K che ha dimensioni ancora più importanti. Parliamo di 88 pollici. Si tratta di un pannello dimostrativo. Non è ancora chiaro quando LG potrà mettere sul mercato un vero e proprio televisore (non ancora pronto) e neanche quale sarà la fascia di prezzo. Il produttore si limita a dire che punta a superare i 5 milioni di esemplari venduti con tecnologia Oled entro il 2022. Obiettivo che potrà essere centrato anche grazie al lancio, nel 2019, di questo Oled con definizione a 8K.

LASCIA UN COMMENTO