IL SELLINO DELLA BICI
OPERA DA ANTI-FURTO
UN’IDEA YERKA

424
0
LA BICICLETTA. Un’amica, una preziosa alleata, uno strumento per allenarsi. Ma anche una preda potenziale su cui sono soliti buttarsi i ladri. In Italia, i furti di bici sarebbero vicini a quota 390 mila l’anno con un danno di 100 milioni per le famiglie.
Un aiuto per i ciclisti arriva da un gruppo di ingegneri cileni che, nel 2015, ha lanciato la Yerka.  E’ una bicicletta che non ha bisogno di ganci o catene di protezione. L’antifurto viene garantito dalla bicicletta stessa.

L’INVENZIONE DI UN GRUPPO DI INGEGNERI CILENI. SUCCESSO ANCHE OLTRE IL SUDAMERICA

In sostanza, la Yerka permette di aprire l’asta diagonale che è sotto il manubrio, spostandola verso il di fuori. Poi si sgancia il sellino, lo si aggancia all’asta diagonale che abbiamo spostato realizzando così un meccanismo che aggancia la bici a un palo.

Il prezzo della Yerka non è proibitivo. In Europa, e dunque anche in Italia, costa tra i 549 e i 649 euro (Iva inclusa). E’ disponibile in tre colori (nera, azzurra e lilla), in quattro dimensioni (50, 54, 58 e 61 centimetri). Il prezzo medio di spedizione è di 35 euro e varia, ovvio, a seconda del Paese di destinazione.   

LASCIA UN COMMENTO